Gli acquerelli di Paola Caselli, gli erbari e il racconto fotografico del luogo di Annamaria Eustachi evidenzieranno sguardi insoliti che appartengono alla memoria.