Cassetta di cottura

240,00 125,00

Cucinare in cassetta, sfruttando il semplice principio di inerzia termica, attraverso la coibentazione con la lana, permette di arrivare a pranzo o a cena con
cibi cotti e caldi senza utilizzare alcun tipo di energia esterna e di gustare il sapore unico dato da una lenta cottura. Adatta quindi per molte preparazioni slow food della nostra tradizione quali carni in umido, legumi, verdure, minestroni e zuppe.

COD: N/A Categoria:

Descrizione

Tipo di Lavorazione: ARTIGIANALE

Si risparmia combustibile, non occorre sorvegliare la pentola, i cibi rimangono più gustosi e dopo 8-10 ore si ritrovano a 60-70° di temperatura.
Prendere una scatola di cartone resistente o una cassetta di legno, delle dimensioni di almeno cm. 35x50x40 per una pentola di circa 3 litri. Otturare le fessure, riempirla di fieno o segatura, o trucioli. Lasciare un foro nel mezzo per mettervi un recipiente, che deve essere ricoperto da uno strato dello stesso materiale coibente. Il coperchio della cassetta deve chiudere ermeticamente.
Bisogna prima far raggiungere al cibo che si vuol cuocere il bollore o una rosolatura al fuoco e poi introdurre rapidamente il recipiente nella cassetta e chiuderla. Ricordare che è necessaria minor quantità di liquido, perché manca l’evaporazione.
Eccettuati il riso e la pasta, tutti gli altri cibi possono rimanere nella cassetta più del tempo di cottura. Gli esperimenti assegnano alle diverse cotture i seguenti tempi:
a) pasta secca per minestra, previo bollore sul fuoco, mezz’ora nella cassetta;
b) riso -idem- venti minuti;
c) carne lessata -previa bollitura di 30 minuti- circa 4 ore;
d) fagioli e piselli secchi -previa bollitura di 30 minuti- 4 ore e mezza;
e) cotechino -previa bollitura di 20 minuti- 3 ore;
f) minestrone di verdure fresche -previa bollitura di 15 minuti- 2 ore;
g) patate bollite -previa bollitura di 10 minuti- da 30 a 50 minuti secondo la qualità;
h) castagne secche -previa bollitura di 20 minuti- 3 ore;
i) polenta -previa rimescolatura di mezzo chilo di farina per litro di acqua salata e bollente, e di un solo bollore- 2 ore;
l) stufato di arrosto annegato: rosolatura, aggiunta di acqua, vino o brodo, cottura preventiva di 20 minuti- poi 3-4 ore in cassetta;
m) tutti gli sformati di verdura e i budini di frutta si possono cuocere a bagnomaria nella cassetta.
In estate si può usare la cassetta di cottura per conservare il ghiaccio, il latte e il brodo.
Serve anche per mantenere caldo qualunque liquido – durante la notte – e ciò è molto utile per malati e per bambini.
La cassetta di cottura NON si mette sul fuoco ;-))

Informazioni aggiuntive

Scegli il modello

Lavanda, Ginestra

Composizione:

Scatola costruita con legni provenienti dalle zone di San Casciano dei Bagni (SI) trattata con olio. La coibentazione interna è costituita da cuscini di cotone, imbottiti di lana cardata proveniente dalle pecore dei nostri allevatori. La lana è materia isolante che mantiene le temperature dei cibi inseriti in cassett

Utilizzo attivo:

Cottura di cibi, coltura dello yogurt e della pasta madre.

Utilizzo passivo:

mantenimento di cibi o bevande fredde per una cena estiva all’aperto. Contenitore per picnic come facevano le nonne delle nonne. Si consiglia l’utilizzo di pentole di terracotta ma anche con quelle in acciaio si ottengono ottimi risultati.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cassetta di cottura”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *